1900 interventi per contrastare il gioco illegale

di ,

provvedimenti contro il gioco illegale

Bisogna assolutamente sottolineare che se anche la normativa nazionale tarda ad uscire dalla famigerata Conferenza Unificata tra Stato, Regioni ed Enti Locali, l’impegno dello Stato, e conseguentemente delle sue Forze dell’Ordine, per monitorare il territorio e controllare le attività ludiche in essere, è assai rilevante e sopratutto proficuo in quanto tante “aziende” illegali vengono a galla insieme ad attività non completamente “allineate” alle norme relative al mondo del gioco d’azzardo lecito esistenti in questo momento.

Il traguardo positivo dei primi cinque mesi dell’anno in corso, secondo il sito con i casino online recensioni scritte dagli esperti, e che riguarda appunto questi controlli, può essere considerato un ottimo risultato per il contrasto al gioco illegale. E queste operazioni, oltre tutto, non solo danno un “duro colpo” alla illegalità, ma tolgono dal mercato una concorrenza sleale nei confronti degli operatori leciti che fanno tanti sacrifici per adeguarsi alle normative ed alle restrizioni esistenti. Ecco perché, quindi, questo risultato ha una “doppia positività”.

Oltre 1900 interventi sono stati effettuati nel contrasto al gioco illegale nei primi mesi del 2016, con il sequestro di oltre 700 beni ed attività, tra apparecchi da intrattenimento e “punti clandestini” di raccolta di scommesse. È la stessa Guardia di Finanza che comunica questi dati in occasione dei 242 anni di vita del Corpo della Guardia di Finanza accrescendone, se è ancora possibile, la serietà e l’impegno nella lotta contro l’illegalità. L’impegno degli uomini della Gdf è sempre intenso e continua a porsi al servizio della cittadinanza e ad offrire al nostro Paese, ed anche alla Comunità Internazionale, il proprio contributo per far “emergere” l’economia sana, con gli operatori del settore che lavorano nella legalità, seppur con tanti sacrifici, e contrastare i fenomeni illeciti che indubbiamente ne ostacolano la crescita mettendo sul piatto una forma di concorrenza sleale impedendo il corretto funzionamento del mercato attuale.

Anche il Ministro dell’Economia, riportato da twitter che si occupa di gioco e casino online, Pier Carlo Padoan ha lodato gli interventi del Corpo della Guardia di Finanza che, in questo contesto geopolitico sempre più collegato a internet e, quindi, naturalmente percorso da contrapposizioni varie ed interpretazioni ancora più variegate, continua ad offrire una dimostrazione della sinergia operativa con le istituzioni che porta a risultati così importanti sia per il settore del gioco, sia per la cittadinanza che così si sente assolutamente protetta e garantita.

E sempre per lodare l’intervento della Guardia di Finanza viene anche sottolineato che il Corpo, per effettuare il proprio lavoro ed i propri monitoraggi, si deve costantemente aggiornare e rinnovarsi impegnandosi, in ogni elemento, con nuove tecnologie per essere sempre a conoscenze delle innovazioni che in questo settore si susseguono in modo spasmodico e delle quali la criminalità organizzata sembra essere sempre a conoscenza per poterle sfruttare per i propri illeciti interessi e per le loro organizzazioni illegali.

Proprio il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, cosi come riportato da Google+ che offre notizie sul gioco e sui casino online legali in Italia, esprime la propria riconoscenza alla Gdf che da sempre imprime al proprio ruolo la peculiarità nelle vicende del Paese affermandosi come un assoluto presidio della legalità sul territorio e, sopratutto, garantendo l’interesse sia pubblico, che quello dei cittadini, che delle imprese. Sopratutto quelle del mondo del gioco che troppo spesso viene falcidiato da intromissioni malavitose ed usato per scopi criminali a danno degli operatori leciti ed onesti.